“Vi esorto solo a non farvi governare dalla paura”

buio-e-sieppe1Sono una ragazza di 15 anni e sarei curiosa di chiederle una spiegazione riguardo Satana. Ma non su qualcosa che lo riguarda, quanto sulla mia reazione quando sento storie terribili. L’anno scorso lei ha partecipato all’assemblea di Halloween del Liceo Scientifico ed ha raccontato di un’esperienza di esorcismo. Io non sono riuscita ad ascoltare nessuna parola, tanto che stavo per mettermi a piangere. Mi è accaduto in passato, di parlare di questo argomento e sono
dovuta uscire dalla classe piangendo per la mia paura. Non riesco a leggere il numero 6 ripetuto tre volte (non riesco nemmeno a scriverlo) e ogni rumore anomalo che sento lo associo a Satana. Quando sono al buio, penso che potrebbe apparirmi qualcosa, e inizio a tremare con il cuore che batte a mille. Sono cosi spaventata, ho due rosari vicino al mio letto. Come mai, a me fa tutto questo effetto mentre a molte persone che conosco, gli fa indifferenza? Come mai io provo tutto questo timore?

 

getmediaQuando ho letto il tuo messaggio, ho subito pensato: “Più che scriverle, vorrei abbracciarla”.

Le paure così radicate sono spesso irrazionali e si superano, prima di tutto, sentendo persone amiche al proprio fianco.

Fai conto che lo stia facendo ora!:)

Il secondo passo è cercare di capire il “perché”, con l’aiuto di una persona che stimi e di cui hai fiducia(un familiare, un educatore, un’amica, un sacerdote, una psicologa, un’insegnante…).

Sfrutta le “presenze buone” che la vita ti ha sicuramente messo vicino.

Sono certa che se ti guardi intorno, troverai una (o più) persona adatta a farti comprendere l’origine di questa angosciante ossessione.

Sono sincera però e non voglio darti false illusioni: non sempre si riesce a capire con chiarezza il bandolo della matassa. La mente spesso è più complessa di quanto noi riusciamo a comprendere.

Ma, nonostante questa botta di realismo che ho appena scritto, vale ugualmente la pena iniziare questo cammino di ricerca. Mai arrendersi prima ancora di partire.

10929563_10205910920043022_2808111637904875728_n

Spesso, infatti, la vita ci riserva scoperte che all’inizio del viaggio neanche potevamo immaginare.

10924721_805682069469606_3233996534601999419_nTerzo passo: curare la tua spiritualità, affinché la serenità entri in te e distrugga questo corto circuito di pensieri neri e di lacrime impaurite.

Perché, alla fine, la risposta logica alla tua paura, è: “O satana non esiste” (e allora aver paura di un fantasma è fuori luogo e la tua vittoria è a portata di mano) “O satana esiste” (e Gesù ha detto chiaramente che ha un destino da perdente e quindi la tua vittoria è, ancora, a portata di mano).

Insomma, come la giriamo, il trionfo sulle tue angosce è a pochi metri da te.  

418669_353122068097494_548255713_n

Padre Amorth (un famoso esorcista) in un intervista televisiva, al giornalista che gli chiedeva: “Ma lei non ha paura del demonio?” ha risposto ridendo: “Ma nooo!!! E’ lui che ha paura di me. Ma non perché io abbia chissà quali poteri, ma perché ho Gesù Cristo vicino a me. La sua vicinanza mi protegge e mi rende forte!”

Emanuela in preghiera

I cristiani hanno la preghiera, i sacramenti e tante altre armi per fare la battaglia contro il male. E il male più grande è vedere solo buio; aprire la porta all’angoscia e non sentirci più protetti.

 

69e2a8f905db47ab6a974a2ef9e8c4d6Dio lo sa. Per questo ci incoraggia a sentircelo come nostro alleato. E quando si fa un’alleanza con Dio, Lui non si tira indietro. E’ una gioia, per Lui, sentirci poi cantare: Sia benedetto il Signore, che ha dato ascolto alla voce della mia preghiera; il Signore è la mia forza e il mio scudo, ho posto in lui la mia fiducia; mi ha dato aiuto ed esulta il mio cuore, con il mio canto gli rendo grazie. (Salmo 28)

Intanto, però, per quel che può valere, anche io ci sono per te.

Un abbraccio! 

P.S. Ricordo benissimo l’assemblea al liceo scientifico di cui mi parli.

Rammento la telefonata della vostra vicepreside che mi chiedeva: “Cri, dacci una mano. Solo stamattina abbiamo saputo che il relatore che doveva venire a parlare di esorcismi e cose varie, non viene più. Puoi venire te?”  Ma io sono senza macchina!” “Ti veniamo a prendere noi” “Ma io ho lezione!” “Dì al tuo preside che manderemo una nostra insegnante a sostituirti!”. In questo clima da pre-allarme (ancora ci rido se ci penso) mi trovai catapultata nella vostra Assemblea Generale. E mentre il mio cervello mi mandava segnali d’allarme su come riuscire a tenere a bada centinaia di ragazzi che non mi conoscevano e di cui io non sapevo il livello di preparazione sull’argomento affrontato, in me avevo solo una certezza: “Qui devo mandare un messaggio chiaro: satana ha un destino da perdente. Devo fare del tutto per smascherare la sua immagine tra il tetro e l’affascinante che tanti film gli danno, e rimetterlo al suo posto, cioè “dietro” Gesù – che è il vero vincitore-.”

Poi, crederci o meno, avere fede o meno, è un fatto personale; ma chiarire questa verità cristiana fondamentale è urgente. Il racconto che tu non hai ascoltato per paura, in realtà toglieva proprio la paura.

Ma ci rifaremo del tempo perso: a distanza di un anno, ben ritrovata!

Chi desidera essere avvisato su Facebook dei nuovi post che si mettono in questo Blog, può mettere MI PIACE nella pagina  IN TE MI RIFUGIO https://www.facebook.com/intemirifugio

2 pensieri su ““Vi esorto solo a non farvi governare dalla paura””

  1. Validissimi tutti i consigli della prof!
    Mi sento di aggiungere solo un rimedio contingente nel momento in cui ti sentirai sprofondare nella difficoltà o nelle paure, ansie ecc.
    Ripeti più volte con fede “GESU'” – La Parola ci insegna che non esiste nome al di sopra di questo Nome, Al solo sentirLo trema l’inferno!
    E tu hai diritto e autorità in quanto figlia di Dio di cacciare qualsiasi spirito negativo.
    Non è discorso solo esorcistico….da papà molte volte mettendo a dormire i miei figli la sera, dopo la preghiera invocavo il nome Santo del Signore su di loro. E che notti pacifiche hanno passato!
    Mi è stato suggerito da un caro amico sacerdote; la stessa cosa la faceva un altro papà e dopo vari anni erano i suoi figli a chiedergli questa benedizione quando erano nervosi, ansiosi e sai cosa c’è di bello ? Gesù funziona!

    1. Che bella cosa questa esperienza!!!
      Questa tua risposta gliela farò avere di sicuro. Devi sapere, infatti, che nella mia diocesi un giovane quanto brillante prete, ha avuto un’idea eccezionale (a mio avviso): fare un’applicazione che i ragazzi possono scaricare sul proprio cell. Si chiama GiovaniApp! Tramite questa applicazione, tutti ragazzi della città (e non solo) possono fare tantissime cose, connettendosi…non ultima, quella di poter fare delle domande a degli “esperti”, in un forum virtuale. A me (sopravvalutandomi alla grande, ma finché non se ne accorgo, continuo!:):)) mi hanno messo tra questi esperti. Quindi ora avvertirò questa ragazza (che mi segue tramite questa applicazione, di questo tuo consiglio. Lo faccio perché credo che tu hai toccato il centro del discorso!

      Mi è venuta in mente una cosa che il Papa ha detto nell’aprile 2014 (anche lui centrando il succo della riflessione, proprio come te):

      Tornando poi agli Atti degli apostoli, Papa Francesco ha spiegato che «Pietro rivela una verità quando dice “lo abbiamo fatto nel nome di Gesù”» perché egli risponde ispirato dallo Spirito Santo. Infatti noi, ha proseguito, «non possiamo confessare Gesù, non possiamo parlare di Gesù, non possiamo dire qualcosa di Gesù senza lo Spirito Santo». È proprio lo Spirito Santo che «ci spinge a confessare Gesù o a parlare di Gesù o ad avere fiducia in Gesù». Ed è proprio lui che ci è accanto «nel cammino della nostra vita, sempre».

      Il Pontefice ha poi raccontato una sua esperienza personale, legata al ricordo di un uomo, padre di otto figli, che lavora da trenta anni nella curia arcivescovile di Buenos Aires. «Prima di uscire, prima di andare a fare qualsiasi cosa dovesse fare — ha detto — sussurrava sempre tra sé e sé: “Gesù!”. Una volta gli ho chiesto: “Ma perché dici sempre Gesù?”. “Quando io dico Gesù”, mi ha risposto questo uomo umile, mi sento forte, mi sento di poter lavorare, perché io so che lui è al mio fianco, che lui mi custodisce”». Eppure, ha sottolineato il Papa, quest’uomo «non ha studiato teologia: ha soltanto la grazia del battesimo e la forza dello Spirito». E «questa sua testimonianza — ha confidato ai presenti Papa Francesco — a me ha fatto tanto bene. Il nome di Gesù. Non c’è un altro nome. Forse ci farà bene a tutti noi» che viviamo in un «mondo che ci offre tanti “salvatori”».

      A volte, «quando ci sono dei problemi — ha notato — gli uomini si affidano non a Gesù, ma ad altre realtà», ricorrendo magari a sedicenti maghe «perché risolvano le situazioni», oppure «vanno a consultare i tarocchi» per sapere e capire cosa fare. Ma non è ricorrendo a maghi o tarocchi che si trova la salvezza: essa è «nel nome di Gesù. E dobbiamo dare testimonianza di questo! Lui è l’unico salvatore».

      GRAZIE PER AVER CONDIVISO LATUA ESPERIENZA!!!

Lascia un commento