Una seconda possibilità non si nega a nessuno!

manifesto ufficiale 3           Quante volte ci è capitato di dire: “BASTA!”

“Adesso basta!!!”

“Non ne posso più!” 

Tutto è nato da qui, da questa domanda.

L’ho fatta ai ragazzi e da lì tutto è nato!

E’ nato uno spettacolo interamente scritto dai miei studenti e basato sulle loro storie di dolore e di rinascita. 3

Poi sono nati i balletti; poi sono nate le musiche e i cori ; poi si sono aggiunti i loro video e le loro foto; poi… ma prima di tutto, è stata la loro vita a parlare!IMG_8214

Le prime riunioni fatte a novembre e dicembre sembravano più incontri di gruppi di auto-aiuto che riunioni in preparazione di uno spettacolo. Mi sembrava di stare in quei film americani ambientati in una  scuola; solo che il set era vero!

IMG_8215In cerchio, infatti, ognuno raccontava, proponeva, si apriva.

8L’imbarazzo iniziale, pian piano, veniva sostituito dalla condivisione solidale; le lacrime versate venivano asciugate dai fazzolettini donati da altri; racconti mai narrati entravano nel cuore di altri compagni, creando abbracci e legami…e lo spettacolo non era più uno spettacolo, ma narrazioni dignitose e coraggiose della vita di ciascuno di loro! 

IMG_8264I primi giorni di febbraio eravamo ancora in alto mare per quanto riguarda la scaletta dello spettacolo, ma eravamo andati avanti alla grande nell’incoraggiamento reciproco e nell’unità vera. 

IMG_7935

Ora, che manca meno di un mese allo spettacolo ed io non ho più scritto nel Blog perché inghiottita dalla mole di lavoro e di incontri, sono felice!

IMG_7952IMG_7990

Mi sembra una specie di miracolo quello che è successo davanti ai miei occhi: un gruppo di circa 150 ragazzi che ci ha messo il cuore!

IMG_8241Oramai non abbiamo più sabati e domeniche libere: tutto il tempo lo passiamo insieme a provare!

IMG_8225

La mia vita privata è inesistente ed una ragazza, mentre la riaccompagnavo a casa dopo l’ennesima prova, mi ha detto ridendo: “Prof, oramai passo più tempo con lei  che con mia nonna. E mia nonna m’ha cresciuta!!!”IMG_8230

La prima volta che anche Mario si è sciolto, recitando finalmente bene, tutti si sono fermati ed hanno fatto urli di esultanza disumani, lanciando in aria i copioni e facendo strane danze tribali per quanto erano entusiasti!

Anche la bidella è entrata ridendo, incuriosita da tanta esultanza! 

Ho visto le ragazze più grandi incoraggiare le giovanissime compagne d’avventura del primo anno, ancora timide ed insicure.  

IMG_8220

Ora non c’è giorno in cui io non sia avvicinata da qualche studentessa che mi propone qualcosa da aggiungere allo spettacolo: oramai tutti si sono sciolti e, dovessi dar retta a loro, farei  una nottata intera di spettacolo; altro che due ore e mezza! 

Ex allieve, oramai all’Università, ci hanno aiutato tramite Skype ed anche loro solcheranno il palcoscenico; la scuola di danza della città ci sta preparando  coreografie meravigliose, ospitando gratuitamente le mie allieve che volevano ballare! IMG_8267

E poi…le foto fatte da loro per essere proiettate…un sacerdote giovane ed in gamba che ha creato un mini-musical d’introduzione allo spettacolo…un altro sacerdote sveglio e profondo che ha preparato il finale, mettendosi in gioco come i ragazzi, cioè raccontando una sua storia personale di dolore e di rinascita.

1980533_4003975994826_1374324660_n 

Ed infine Chiara…Chiara Amirante! Ha rinunciato ad un viaggio a Betlemme per essere con noi quella domenica 30 marzo ed i ragazzi si sentono felici ed orgogliosi di questo fatto! 

IMG_8259

Ed io?

IMG_8260IMG_8261Io ringrazio Dio di essere stata chiamata a fare l’insegnante, di avermi messo accanto ragazzi meravigliosi e di farmi avere per amici persone brave professionalmente e così generose da lavorare gratuitamente con i miei studenti, per insegnare loro l’arte della comunicazione artistica. 

 

Come finire questo post pre-spettacolo?IMG_8246

Con un messaggio specialissimo che una mia studentessa mi ha mandato circa un mese fa. Vi racconto… 

 

La regola che avevo dato per poter partecipare a questo Progetto Scolastico era semplice: le riunioni si sarebbero sempre fatte di pomeriggio e se qualcuno/a sarebbe mancato senza avvertire e senza un’adeguata e seria giustificazione, sarebbe stato espulso dal gruppo. 

Tutti sanno che non scherzo quando dico questa regola, perché ci tengo troppo al senso di responsabilità gli uni verso gli altri. 

IMG_8229Verso la fine di febbraio faccio una riunione con il gruppo di ragazze che avrebbero dovuto fare le hostess in Teatro (io insegno in una scuola dove c’è la specializzazione del “Turismo” e quindi saper fare accoglienza in modo professionale è uno dei tantissimi obiettivi del corso di studi).

Quel pomeriggio due ragazze erano assenti senza aver avvertito nessuno e la regola è stata applicata.

La sera le altre le avvertono subito, tramite sms, che sono state espulse dal gruppo. 

Quello che sto per raccontare è quello che è successo la mattina dopo, a scuola. 

IMG_7988

Le vedo entrambe venirmi incontro nel corridoio con aria preoccupatissima e dispiaciutissima!

ELEONORA: “Prooof!!!!! Ci dispiace tanto per la nostra assenza di ieri sera! La colpa è del fatto che non mi arrivano le notifiche di facebook ed io non mi ero accorta della riunione. Mi scusi!”

IO: “Scusami Eleonora ma questa non è una giustificazione. Ci vediamo tutti i giorni a scuola e perché non hai chiesto a nessuno quando fosse la riunione delle hostess? Potevi chiedere alle compagne…informarti…dovevi responsabilizzarti:”

Eleonora non ha il coraggio di rispondere ed abbassa gli occhi, sinceramente dispiaciuta.

MICHELA: “Prof, io non c’ho colpa, avevo l’appuntamento dal dentista. Glielo giuro! Guardi, le do il cellulare di mamma: la chiami pure se non si fida di me!”

IO: “Michela, a parte il fatto che avresti comunque dovuto avvertire; ma poi, quando te l’ha dato il dentista questo appuntamento?”

MICHELA: “La settimana scorsa!”

IO: “E tu invece da quando sapevi di questa riunione?”

Michela abbassa gli occhi e risponde: “Da tre settimane”

IO: “Era una cura urgentissima quella dal dentista? Perché se non è così, potevi benissimo dire al dentista di cambiare orario o giorno; giusto Michela?”

Michela abbassa gli occhi e non risponde.

IO dico loro: “Mi spiace ragazze, ma la regola è regola. Io quando faccio queste cose devo potermi fidare di chi partecipa. Non voglio fare la vostra badante e rincorrervi per convincervi ad essere in gamba. Siete voi che lo dovete essere, perché orgogliose di far parte di un grande Progetto. Mi spiace ragazze. Le vostre non sono giustificazioni serie. Sarà per il prossimo anno”.

E mi allontano. 

Con la coda dell’occhio le vedo ferme, dispiaciute, in mezzo al corridoio, senza dire niente. 

Dopo un’oretta vedo sul mio cellulare dei messaggi. Sono di ELEONORA.

Mai più cancellerò questi messaggi!

Il testo? 

“Prof, abbiCuore200Sxc1318184_19972380amo girato tutta la scuola per cercarla ma non l’abbiamo trovata. Volevamo dirle, io e Michela, se ci può dare un’altra possibilità, perché ci dispiace davvero tanto non partecipare. Verremo a tutte le riunioni e ci aggiorneremo sempre. Dai prof; una seconda possibilità si da a tutti! Le promettiamo che diventeremo responsabili e non la deluderemo!” 

Ed un grande cuore rosso campeggiava nel bel mezzo del messaggio di whatsapp!

La mia risposta: “Di fronte a tanta determinazione e buona volontà mi sono commossa; riammesse tutte e due!”

 E Giorgia mi scrive:“Siiiiii!!!!!!!!!” con un altro cuore rosso in bella vista!

“Prof, ne avevamo proprio voglia, altrimenti neanche le avremmo scritto ora!!!!! Grazie tante prof! Non la deluderemo, giuroooo!!!!!! Abbiamo creato anche un gruppo su whatsapp con le hostess, almeno le notifiche lì mi arrivano di sicuro e saprò quando si svolgerà ogni riunione. Non mancheremo mai più!!!!”

E di nuovo una grande sfilza di cuoricini! 

Ora sta avvicinandosi lo spettacolo e Michela e Giorgia non mi hanno delusa, anzi! Sono diventate attive, responsabili ed intraprendenti. 

Quel messaggio? E chi lo cancellerà mai più!!

10000011_4003976434837_151327961_n

Stamattina, appena alzata, pensando a questo cammino fatto dai miei studenti in questi mesi, riflettendo sulla loro unione entusiastica, immaginando la loro gioia condivisa, il giorno dello spettacolo, mi sono venute in mente le parole che Dio ci dice:

IMG_8272Ecco, com’è bello e com’è dolce
che i fratelli vivano insieme!


È come la rugiada dell’Ermon,
che scende sui monti di Sion.


Perché là il Signore manda la benedizione,
la vita per sempre!

(Salmo 132/133)

Dio c’ha capito tutto…come sempre! IMG_7955

 

 

 

 

IMG_7994DOMENICA 30 MARZO al Teatro Gentile

“BASTA!
Storie di dolore e di rinascita”

Ospite d’onore: CHIARA AMIRANTE

Teatro Gentile di Fabriano, ore 17.00 ed ore 21.00

Per prenotazioni:
ore 17.00 Giulia Sassaroli (331 2371208)
ore 21.00 Maikol Morosini (3345931613)

89

Chi desidera essere avvisato su Facebook dei nuovi post che si mettono in questo Blog, può mettere MI PIACE nella pagina  IN TE MI RIFUGIO   https://www.facebook.com/intemirifugio

4 pensieri su “Una seconda possibilità non si nega a nessuno!”

  1. Carissima Cristina,
    da vari giorni sto pregando per il vostro spettacolo. Mi ero riproposto di scriverti, ma sai com’è… o cogli l’ispirazione al volo oppure le cose ti sommergono.
    Ora è arrivato questo tuo post… mi sono commosso, perché riesci a trasmettere tutto quello che state vivendo da mesi con i ragazzi… come un pacco regalo ben confezionato, fatto da tanti pacchettini… una meraviglia. Dà speranza.
    Ci sono, ti-vi sono a fianco ome posso. Contaci! Chicco (Ufficio Chiara Luce)

  2. Grazie! Grazie! Grazieee!!!! Il lavoro è immenso e le difficoltà grandi, ma i ragazzi stanno lavorando alla grande!!! Un giorno racconterò anche le “coincidenze” pazzesche che mi sono capitate quando, in preda allo sconforto, pregavo Lui che mi/ci aiutasse! Dio c’è…e si vede!!:):) Continua a pregare per questi ragazzi e perché lo Spirito di Dio, quel giorno, in Teatro, faccia effetti speciali nei cuori delle persone!! Un grandissimo abbraccio!!!

  3. Che bello il suo blog prof! Sono arrivato qui per caso….cercavo dei dipinti e degli acquerelli sul web…e…sono arrivato per caso qui! Continuerò a seguirla! 🙂

Lascia un commento