Il lamento continuo fa male!

IL LAMENTO CONTINUO E’ UNO DEGLI SPIFFERI PIU’ PERICOLOSI!
Buongiorno a tutti! 
Siete felici?
No?
Sì?
Beh, allora iniziate la giornata facendovi del bene: via i lamenti! 
Via i lamenti dalla vostra mente e via l’ascolto dei lamenti degli altri!
Per carità, non voglio essere fraintesa. Ci sono momenti e giornate in cui un sano “Vaffa…” ci sta bene ! 
 Io parlo di tutti coloro che si fanno del male (e lo fanno agli altri) lamentandosi sempre e comunque.
 Quelli che se gli chiedi come va, ti rispondo sempre e comunque con un malinconico, angosciato e sospirato: “Eeeehhhh…si va avanti”.
 Quelli che se ti chiedono “Come stai?” e tu provi a dire per una volta: “Beh, oggi è stata un po’ dura perchè…” loro ti rincarano con la loro dose personale, raccontandoti subito la loro sfiga con un: “Eeeeehhhh, sapessi a me quante volte mi succede!” senza neanche farti finire.
Perchè non sia mai che al mondo ci sia qualcuno più sfortunato di loro.
 Quelli che se vedono qualcuno che fa qualcosa di bello, hanno sempre pronto quel “Sì, però ….” e giù una lista di motivazioni terribili atte a dimostrare che quell’azione costruttiva, tanto costruttiva poi non è. Sono gli amanti della distruzione, sempre e comunque.
 Quelli che si lamentano di tutto e tutto il giorno. In ufficio, per la strada, con i vicini…
Il clima, la vita, il lavoro, la cena: tutto può essere una ragione per applicare il “lamento h24”
 Qualcuno ha proprio come sport personale quello di riempire la propria e l’altri giornata con parole di negatività o di odio.
E’ stato condotto uno studio da alcuni neuroscienziati, che hanno misurato l’attività cerebrale nelle situazioni un cui una persona si trova a dover affrontare degli stimoli specifici, come ascoltare parenti o amici che si lamentano costantemente. I risultati hanno evidenziato che stare sempre a contatto con persone negative fa sì che i neuroni del cervello si “disconnettano”, non permettendo di essere lucidi e di risolvere efficientemente i problemi.
Ebbene, quindi entrare in contatto con una persona negativa per più di 30 minuti causa una disconnessione dei neuroni dell’ippocampo del cervello ed è proprio questa parte del cervello necessaria per risolvere i problemi della giornata.
Continua a leggere Il lamento continuo fa male!

“Il grado di civilizzazione di una società si misura dalle sue prigioni” (Fedor Dostoevskij)

“Cosa farei se avessi 24 ore di libertà? Andrei a sentire l’odore dell’erba appena tagliata”

“Chissà cosa darei per accompagnare mia madre a fare la spesa e spingerle il carrello”

“Spacciavo perché ero un illuso affamato di amore. Mi sentivo cercato da tutti e con la bella vita a portata di mano. Troppo tardi ho capito che stavo rovinandomi. E’ che l’apparenza ci imprigiona il cervello e non ci fa più capire ciò che vale veramente”

“Il momento più doloroso è stato sentire il pianto di mio padre quando gli ho detto che lo stavo chiamando dal carcere. A volte mi chiedo come facciano, i miei genitori, ancora ad amarmi e starmi vicino”

“No, dopo che sono stato arrestato tutti i miei amici mi hanno abbandonato. Ma forse non erano amici”

“Cosa ho fatto la prima notte? Ho pianto. E poi anche la seconda notte ed anche la terza. Ho pianto per quindici notti, sfinito dalla tristezza che mi entrava dentro le ossa”

“Il dolore del carcere si allarga all’intera famiglia. Non siamo solo noi a soffrire”

“Ho sbagliato ed è giusto che io sia qui. Voi ragazzi siate più in gamba di me”

“Gli anni in cui sono stato sballottato tra un collegio e l’altro, hanno segnato la mia esistenza. Ora sto cercando di riprendere in mano il timone della mia vita”


I detenuti parlano con i nostri ragazzi ed i ragazzi non battono ciglio.

Ascoltano e chiedono.

Arrivano domande sul pentimento, il rimorso e la coscienza. Sulla vita quotidiana in carcere e sulla fatica di rinascere. Si parla di cose scomode, di sovraffollamento, di autolesionismo e suicidi, di diritti dei carcerati e di sanzioni da parte dell’Europa nei confronti del mondo penitenziario. Continua a leggere “Il grado di civilizzazione di una società si misura dalle sue prigioni” (Fedor Dostoevskij)