Giuseppe di Nazareth, ti affidiamo il lavoro di tutti!

Quanto hai lavorato nella tua vita, Giuseppe di Nazareth?
Quanta passione hai messo nel fare oggetti e nell’aggiustare cose?
Mi sarebbe piaciuto fermarmi lì, a guardati.
Per un po’.
Per vedere la passione che era in te e che ti faceva lavorare,
senza avere la sensazione della fatica di quei tuoi gesti.
Aiuta tutti a trovare un lavoro che sappia di vocazione e di passione.
Allora capiterà che, dove saremo, lì fioriremo con soddisfazione.????????????
Quante notti in bianco avrai passato, perché qualcuno non ti pagava!
Ti immagino in Egitto, in un paese straniero, arrovellarti
per cercare soluzioni ai soldi che non arrivavano.
Hai mai pensato di arrenderti?
Hai anche tu avuto la sensazione di essere solo sul bordo di un baratro?
Aiuta tutti coloro che stanno portando avanti un lavoro
tra mille difficoltà ed un milione di preoccupazioni.
Mettiti accanto a ciascuna notte in bianco e trasformala in un sogno realizzato.????????????
Anche tu hai dovuto affrontare quel cammino difficile che ti portava
tra una bottega e l’altra a chiedere un lavoro?
Ti sei mai sentito rifiutato, arrabbiato, amareggiato e deluso?
Tu, giovane padre, con in tasca solo un grande desiderio di dignità per la tua famiglia, ti sei mai sentito fallito e scartato?
Con tutto il cuore e con tutto ciò che ho in me,
ti prego di aiutare tutti i cercatori di un lavoro.
Tra una montagna di domande ed una serie infinita di tentativi,
fai loro arrivare la risposta che attendono con trepidazione!????????????

Continua a leggere Giuseppe di Nazareth, ti affidiamo il lavoro di tutti!

Siamo chicchi di grano che si trasformeranno in spighe

Un campo di grano maturo è una vista stupenda!????
Ogni spiga nasce da un piccolo chicco sceso dentro la terra.
Lì si è spezzato, è morto e poi ha ripreso forza.
Ha attraversato la zolla, è riemerso dalle tenebre ed è risorto alla Luce.
Ma non è più come prima.
E’ oramai una spiga alta, maestosa,
danzante al ritmo libero del vento.
pronta a diventare Pane per tutti.????
Ecco Signore perché, dopo la risurrezione, non ti abbiamo riconosciuto subito.
Sei diventato una Spiga splendida, pronta ad essere cibo di Cielo per tutti noi fatti di terra.????????????

Continua a leggere Siamo chicchi di grano che si trasformeranno in spighe

La Tua Misericordia è la Tua Carezza

A volte io cerco di immaginare il tuo sguardo tenero su di me.
Quando mi sento come la pecora smarrita o la moneta perduta,
cerco di sentire il tuo abbraccio alle mie spalle.
Quegli abbracci protettivi che non ti vogliono abbandonare al niente.????????❤️
A volte, quando mi sento indegna e mai abbastanza,
vorrei scappare da tutti quei “ma come ho potuto?”
e vorrei anche allontanarmi da Te, per ritornare quando mi sentirò degna.
Poi ricordo che Tu perdoni la pecora smarrita già mentre sta scappando
e riaccogli il figliol prodigo prima ancora che apra bocca.????????❤️

Continua a leggere La Tua Misericordia è la Tua Carezza

L’amore è il Tuo chiodo fisso

????????Eccomi Gesù.
Sono appena fuori le mura di Gerusalemme.
Ti sto aspettando.
Ho con me le palme.
Sono pronta.
E Tu?
Troverai, in mezzo a tanta folla, uno sguardo per me?
Io ci spero, Signore.
????????Sono qui: all’inizio di questa settimana terribile.
Io lo so che oggi sono qui con le mie palme e magari,
già domani, sarò lontana da Gerusalemme e da Te.
Mi conosco.
So come ondeggio facilmente tra desideri di eternità e paure di illusioni.
E tu?
Pur conoscendo il mio ondulare, mi guarderai negli occhi, oggi?
Io lo aspetto il tuo sguardo, Signore.
????????Ci sono Signore: con il mio “Osanna” sincero e la voglia di abbracciarti.
Vorrei gridare a tutti: “Non fate caso all’asino. Quell’uomo sembra non contare niente. Ma è il Re dell’universo!”
Lui ha tutto ed a noi non ci toglie niente.
Non ci ruba la vita.
Non ci toglie la libertà.
E non ci prende nemmeno un asino. E’ solo un prestito.
Lui fa così: ci chiede qualcosa di nostro per farlo diventare “il meglio” di ciò che può essere.

Continua a leggere L’amore è il Tuo chiodo fisso

25 marzo: Annunciazione!

Raccontami Maria, cosa hai visto in casa tua!
In un giorno qualunque, in un luogo qualunque, Dio è entrato nella tua cucina.
Senza testimoni, senza riflettori, lo Spirito Santo ti ha sfiorata e toccata.
Come era quel giorno, Maria? Cosa stavi pensando? Come stavi pregando?????????????
Raccontami la promessa di felicità che ti ha fatto l’angelo!
Quant’è stato bello ascoltare la sua promessa di gioia?
A noi che siamo ammantati di gravità e di pesantezze,
narraci la benedizione di speranza che tu stessa hai sentito.????????????
Raccontami Maria quello che gli angeli continuano a dire a tutti noi!
Profezie di gioia, fiducia nell’impossibile, sguardi sul mistero.
La nostra fede è piccola e intrecciata di domande.
Ma è autentica.
Ed anche io all’angelo voglio dire: “Eccomi. Dì a Dio che mi fido di Lui ed accetto la sua felicità”????????????

Continua a leggere 25 marzo: Annunciazione!

Cammino con Te affianco

Tu Signore sei il mio pastore ed io lo so che nulla mi manca. Ora. Proprio ora. Tu mi stai sorreggendo ed accudendo. Sei Tu che mi fai riposare in verdeggianti pascoli, che mi guidi lungo le acque calme e che mai mi abbandoni. Dall’antica anima che ha scritto il salmo 23 a me che vivo oggi, il passa parola di fede e speranza non è mai cessato.

Signore della Vita, sei sempre Tu che ristori la mia anima, e poi mi conduci per sentieri di giustizia. Ed io ci vado. Ti seguo. Per amore del Tuo santo nome. Perché se me lo dici Tu, io partirò e fiorirò anche nel deserto. Se Tu sei con me!

E se anche dovessi camminare nella valle dell’ombra della morte, io non temerò alcun male, perché tu sei con me! Anche dovessi affrontare problemi più grandi di me, Tu mi sorreggerai con amore di Padre. Mi hai dato il tuo bastone ed io mi sento al sicuro. Continua a leggere Cammino con Te affianco

Oltre le lacrime…

Signore della vita, il mio amico è morto di Covid. Solo. Ti prego: perdonagli tutto e portalo subito tra gli abbracci dei suoi amici in Cielo! Anzi, per ogni minuto passato da solo in ospedale, tu aggiungi cento angeli alla sua festa in Paradiso. Per ogni attimo di sconforto che avrà avuto nei suoi ultimi giorni di solitudine, tu stringilo mille volte più forte tra le tue braccia e riempilo di amore. Un’overdose di amore tutta per lui! Continua a leggere Oltre le lacrime…

Padre nostro che sei nei Cieli

Signore del Cielo e della terra, ti lodo e ti rendo grazie perché ci attiri verso le albe ed i tramonti, le nuvole ed i raggi del sole. Finchè alzeremo lo sguardo verso l’alto, resteremo “piccoli” e Tu ci racconterai di Te.⭐

Padre nostro che sei nei Cieli, oggi abbiamo anche noi cinque pani e due pesci e siamo seduti sull’erba della vita. Come Gesù, alzeremo lo sguardo verso il Cielo e Ti renderemo grazie per quello che abbiamo. Pensa Tu a moltiplicarli.⭐ Continua a leggere Padre nostro che sei nei Cieli

Anche fossi cresciuta storta, Tu mi sorreggerai sempre!

BENEDETTO L’UOMO CHE CONFIDA NEL SIGNORE E IL SIGNORE E’ LA SUA FIDUCIA”

Eccomi Signore! Anche attraversassi l’arsura del deserto, io avrò fiducia in te. Non lo faccio perché sono brava, ma perché solo Tu sei morto per me. Tu conosci le mie debolezze, le mie mancanze, le mie ferite, Le mie contraddizioni, le mie domande, i miei dubbi… Con te posso anche non nascondere niente, perché Tu hai dato la vita per me. Nessun altro l’ha fatto.

“È COME UN ALBERO PIANTATO LUNGO UN CORSO D’ACQUA, VERSO LA CORRENTE STENDE LE RADICI”

Sarò il tuo albero, Signore del vento! Le mie radici seguiranno la tua brezza ed io smetterò di voler essere l’organizzatrice totale della mia vita. Tu mi aiuterai ad aver pazienza con me stessa, e nella mia debolezza ti ascolterò meglio. Le mie ferite saranno le feritoie dove il tuo Amore passerà. Perché Tu sei morto per me e nessun altro l’ha fatto. Continua a leggere Anche fossi cresciuta storta, Tu mi sorreggerai sempre!

San Giuseppe, fammi sognare!

Ciao san Giuseppe. ❤
Ti posso salutare così?
Come se fossi un mio amico di cammino, oggi ritrovato.
Io un po’ mi ti immagino alle prese con i tuoi dubbi ed i tuoi sogni.
Sballottato tra l’amarezza di quel che vedevi
e la voglia di credere a quel che sognavi.
Maria, la tua ragazza amatissima, incinta.
Incinta di chi?
Quante notti hai passato a pensare?
Quante ore hai passato a pregare?
Chi, meglio di te, può insegnarmi a credere nei sogni di Dio per me?
Qui, sulla terra, vediamo un po’ per volta
ed immaginarsi la sorpresa che tutti ci attende,
non è facile.
Ma tu puoi aiutarci.
Tu ce l’hai fatta! ❤

Continua a leggere San Giuseppe, fammi sognare!