Siamo figli della Luce

Me la ricordo bene.
Aveva un viso dolcissimo ed un modo di fare rasserenante.
Eravamo sedute su un muretto di una antica città umbra e mi raccontava la sua storia personale, con gli occhi che le brillavano ancora per l’emozione passata ma mai sopita.
Avrà avuto allora circa cinquant’anni. Sto parlando di una decina d’anni fa.
Ricordo che l’ascoltavo, grata alla vita per avermela fatta incontrare.

“Avevo circa cinque anni… mi ero ammalata gravemente ed il medico del paese non era riuscito a farmi guarire…c’era povertà in ogni dove … il mio cuore aveva smesso di battere.. mi avevano vestita ed iniziato la veglia di preghiera prima del funerale… loro piangevano ma io ero in un’altra dimensione…ricordo amore e luce in ogni dove…ricordo che era come ritornare a casa…ricordo una gioia sconfinata…poi il miocuore che ricomincia a battere ed io che torno nel mio corpo…rammento che…”
Mi fermo nei particolari del suo racconto, che lei mi porgeva con umiltà e pacatezza, senza nessuna forzatura a convincermi.
Mi fermo perchè certi particolari hanno bisogno della viva voce dei protagonisti e non di un semplice post.
Però mi rimase impressa una sua frase: “Siamo fatti di luce. Esistiamo grazie alla Luce e sempre la cerchiamo… dopo quell’esperienza fatta da bambina, mi capita di vedere la luce che è in tutti. Qualcuno però possiede in sé stesso più luce rispetto ad altri. Più amore. Più spiritualità. E quando siamo bambini abbiamo ancora le antenne alte verso la Luce. È come se sapessimo meglio da Chi e da Cosa proveniamo” .

Pensavo a tutto questo quando Giulia si è messa a fissare lo sbrilluccichio dell’acqua del lago. Poi è venuta da me e mi ha detto felice ed affascinata: “Quella luce mi sembra che mi chiami!”
“Lo so Giulia, siamo fatti della stessa sostanza della Luce”.

“Le persone sono come le vetrate.
Scintillano e brillano quando c’è il sole, ma quando cala l’oscurità rivelano la loro bellezza solo se c’è una luce dentro” ❤
(Elisabeth Kubler-Ross)

P.S. Quella splendida signora mi disse un particolare che non sapevo se scrivere o no. Alla fine ho deciso di aggiungerlo. Ogni lettore poi potrà usare questo “particolare” come meglio crede il suo cuore.
“A volte vedo come dei raggi splendenti che vanno verso il cielo ed altri che, dal Cielo, vengono sulla terra. Un movimento splendido di raggi di luce. Ho capito che sono le preghiere che, dalla terra, raggiungono il Cielo e gli aiuti che dal Cielo, vengono verso di noi” ❤ Continua a leggere Siamo figli della Luce

Il primo sintomo della morte é la nascita. (Stanisław J. Lec)

Buongiorno. A 32 anni credevo di aver “capito” la morte… ma purtroppo non è così. Ieri ho saputo della morte di una ragazza che ho conosciuto un paio di mesi fa. In autostrada, con marito e genitori. Il pneumatico di un camion che viaggiava nella direzione opposta si è sganciato e ha colpito l’auto, uccidendo sul colpo la ragazza (incinta di pochi mesi) e ferito la madre… Dopo questo, credo di dover ripartire da zero e cercare di capire bene… una brava ragazza come poche, sposata da poco più di un anno, incinta… qual è in questo caso il disegno di Dio?

Cara Maddalena, credo che in certi casi sia giusto lasciarsi andare al dolore ed alla rabbia. Probabilmente anche Dio ci incoraggia a sfogarci. Se non capisce Lui quello che stiamo provando, chi altri può farlo?

Ma cosa proviamo?

Senso d’impotenza devastante, sofferenza dilaniante, paura soffocante, finale da incubo ed un’intensa sensazione di mancanza.

Mancanza della persona, mancanza di senso” della vita, mancanza di sicurezze per l’avvenire, mancanza di voglia di andare avanti”.

E poi voglia…tanta voglia di sfogare questo fiume di dolore, prendendosela con qualcuno. La morte di un figlio in particolare porta con sé tale e tanto dolore da travolgere i genitori nella reciproca colpevolizzazione fino (a volte) alla rottura.

Sulla morte non abbiamo potere.

Non possiamo eliminarla.

Anzi: più ci pensiamo, più i timori ci aggrediscono.

Forse è per questo che abbiamo inventato ogni sorta di gesti scaramantici.

L’angoscia, il pianto, la tristezza, il senso di abbandono, la disperazione…

No. Non si può vivere con queste cose addosso.

Ma come fare a scrollarcele?

La magia è solo nelle favole dei bambini.

E allora? Continua a leggere Il primo sintomo della morte é la nascita. (Stanisław J. Lec)

Mogol, Battisti ed un misterioso messaggio d’amore

musica-400x300 In aula è tutto buio: le tapparelle delle finestre sono abbassate ed i ragazzi sono ad occhi chiusi, adagiati con la testa sul proprio banco.

Ognuno si è creato qualcosa di morbido su cui affondare il viso.

Qualcuno si è anche coperto interamente la testa con foulard o maglioni.

20160924_152759_resized

 

Sono pronti per risentire la canzone di cui, pochi minuti prima, hanno visto l’official video.

 

hqdefault

Ora non si tratta più di vedere, ma di “ascoltare”: vedere con le orecchie per intuire con le emozioni.

IL brano musicale si intitola L’arcobaleno ed è cantata da Adriano Celentano.

 

fabio_becorpi_buio_in_sala_fotografando_la_musica_2010_musicastradaPronti?

Silenzio.

Isolatevi dagli altri.

Ci siete solo voi e la musica.

Ascoltate.

Ascoltatevi.

Via.

0

Io son partito poi così d’improvviso
che non ho avuto il tempo di salutare
l’istante breve ma ancora più breve
se c’è una luce che trafigge il tuo cuore…”


Do un ultimo sguardo ai miei studenti: sono bravissimi!

Sono scesi perfettamente nel buio dell’aula e si sono lasciati avvolgere dalla musica della canzone.

Mi appoggio anche io sulla cattedra, chiudo gli occhi e ricordo. 

039

E’ il pomeriggio del 14 marzo 2012.

Quel giorno ero con Mogol nel Bar del Piano della mia città.

Lui era venuto perché con 150 ragazzi avevamo preparato uno spettacolo sull’amore, nel meraviglioso Teatro Gentile di Fabriano.

DSC_0452

Lo avevamo intitolato “(R)Affiniamo gli affetti” ed avevamo anche fatto un cammino di mesi per entrare nella sfera sessuale ed affettiva di ogni creatura umana.

DSC_0470

Tutto quello che avevamo scoperto lo volevamo dire all’intera città in uno evento dove, tra canti e balli, coreografie e scenografie, ci sarebbe stato un grande ospite d’onore: Mogol.

DSC_0500DSC_0611

 

 

 DSC_0680

DSC_0806

 

 

 

DSC_0832

 DSC_0978

 

 

 

Con lui, davanti ad un the caldo e nella calma che precede la tempesta delle Prove Generali, stavamo chiacchierando rilassati.sognare-volare

E se all’inizio mi sembrava di sognare solo per il fatto che io stessi prendendo un the caldo in compagnia di Mogol, alla fine, dopo aver ascoltato un suo racconto, avevo l’impressione di volare in alto, fino in Cielo. 

Dopo la morte di Lucio Battisti (9 settembre 1998) Mogol non ha mai smesso di sentire quel suo amico, vicino a lui. Ma certo non era preparato ad alcuni fatti postumi poi accaduti. Continua a leggere Mogol, Battisti ed un misterioso messaggio d’amore

Il paradiso c’e’!

[immagini.4ever.eu] arcobaleno, coppia animata, cuore, isole volanti, siluette 159671Come una mia studentessa, con un semplice messaggio su WhatsApp, mi ha insegnato ciò che avevo tentato di capire in un intero corso di studi, sulla Vita Eterna e la Comunione dei Santi.

“Prof,  lunedì sera nonna è tornata dal nonno in cielo; lassù dove non esiste la sofferenza, lassù da dove, loro due, da oggi in poi mi sorveglieranno, da dove mi ascolteranno per qualsiasi cosa e da dove mi aiuteranno per qualsiasi bisogno… So che ora, quando guarderò il cielo li vedrò tutte e due mano nella mano, seduti sopra una nuvola, felici… e quando pioverà so che saranno loro a cercare di mandarmi la forza che ci vuole per andare avanti. Poi, passata la tempesta, ci sarà l’arcobaleno e allora, insieme, ci passeggeranno sopra scegliendo ogni giorno un colore diverso.
In questi due giorni me ne sono sentite dire tante: io non voglio pensare che ha finito di soffrire ma che è tornata da nonno che l’amava con tutto il cuore; anche in questi 18 anni in cui è stata sola!

Ora cercherò di seguire quello che in tanti mi hanno detto “Devi essere forte, come una leonessa!”… Io non sono una leonessa e probabilmente non riuscirò mai ad esserlo, andrò avanti con la forza che mi darà lei da lassù, con i sorrisi che mi donerà che saranno sempre i più sinceri del mondo….
Ora ho l’obbligo di stare vicino alla mia mamma perché è distrutta…
Pregherò il Signore e parlerò con nonna tutte le volte che ne avrò bisogno e per raccontarle tutto quello che mi succede… So che ora, loro due insieme, sono felici anche se ci vedono disperati… perché, per quanti pensieri cerchi di farti, la perdita di una persona come “è” ed “era” la nonna, non ha eguali o consolazioni complete….

Prof ci vediamo mercoledì prossimo…a presto!!!”

Ho pensato: “Che bello! Studi per anni teologia, per poi capire che tutto il sapere del mondo può essere riassunto dalla sapienza di una ragazzina delle superiori!” Continua a leggere Il paradiso c’e’!