La scuola, il bar ed i miei studenti.

mani Pranzo nel bar della scuola, pieno di miei studenti.
Devo lavorare al pc e decido di mettermi seduta in un tavolino solitario, ai margini.
Ad un certo punto vedo entrare una studentessa che si dirige n…el tavolino accanto al mio. Ha l’aria arrabbiata.
Attraversa tutto il bar con un vassoio con il pranzo, mentre i compagni di classe la chiamano (invano) al loro tavolo.
Lei risponde decisa: “Lasciatemi in pace!” e si mette seduta nel tavolino accanto al mio, solo perché è quello più isolato del bar.
Io continuo a lavorare al pc mentre sento che i suoi compagni tentano di convincerla a pranzare con loro.
“E dai! Vieni qui con noi! Daiii!”
Ma lei è scocciatissima e ribadisce decisa: “OH! Mi lasciate in pace!”
Capisco che è successo qualcosa in classe.
Continuo a lavorare ma…è allora che succede.
Con la coda dell’occhio intravedo e sento un gran movimento alle mie spalle.
I suoi compagni/e, senza dire una parola, prendono i loro tavoli e le loro sedie e traslocano in blocco, per starle vicino.
Non le dicono niente.
Le si mettono solo vicino.
Lei sta zitta, è imbronciata.
Vedo solo che loro, in silenzio, spostano tutto (pizze, panini, tovaglioli, bibite) e continuano il pranzo insieme, vicino a lei.
Non le dicono niente; solo pranzano vicino a lei!
Poco tempo e il clima si scioglie…così…naturalmente.
Tra me e me penso: “Grandi ragazzi!”
Chi desidera essere avvisato su Facebook dei nuovi post che si mettono in questo Blog, può mettere MI PIACE nella pagina  IN TE MI RIFUGIO   https://www.facebook.com/intemirifugio

La vita è bella perché si paga cara…ogni giorno!

1387415551_masterchef-fotoLa scorsa settimana, mentre stavo stirando, guardavo distrattamente MasterChef Italia (la versione nostrana del talent show culinario Master Chef USA).

Il momento era delicato: si stava facendo il Pressure test (una prova a cui si sottopongono i concorrenti della squadra che ha perso la sfida in esterna).

Il clima era teso perché si trattava di preparare un piatto in pochissimo tempo e il concorrente che avrebbe cucinato il peggiore, sarebbe stato eliminato!

Ad un certo punto è arrivato il turno di Alberto, il concorrente più anziano della trasmissione. Cremonese, è un tipo originale, bravo ed umile allo stesso tempo.

Masterchef-alberto-naponiSimpatico ed intelligente ma quel giorno si vedeva lontano un miglio che non aveva proprio fatto un bel lavoro culinario.

Quando si presenta davanti ai tre giudici, basta il loro sguardo per capire che le cose si erano messe proprio male.

Avete presente quei primi piani televisivi, dai giudici al concorrente e viceversa insieme a quella musica di sottofondo che mette inquietudine?

Proprio in quel momento lì, con l’ansia dell’attesa del verdetto al massimo, il nostro Alberto, consapevole di aver fatto una schifezza (mi faceva una tenerezza con i suoi occhioni tristi ed oramai rassegnati al triste responso) ha detto quasi sottovoce: Continua a leggere La vita è bella perché si paga cara…ogni giorno!

Il teatro è il mezzo…l’unione è il fine!

spazioscenico“Quel giorno, quella che mi aspettava doveva essere una riunione come tante altre.

Mentre guidavo per raggiungere i ragazzi che, nel prossimo spettacolo, avrebbero fatto gli attori, pensavo a come organizzare i lavori del gruppo. 

Una cosa avevo in mente: sul palcoscenico del Teatro della mia città, quei ragazzi avrebbero raccontato le storie che avrebbero scelto loro. Meglio, se storie della loro famiglia!

D’altra parte il titolo dello spettacolo era chiaro: “Storie di dolore e di rinascita!”. Continua a leggere Il teatro è il mezzo…l’unione è il fine!