Le parolacce dei miei studenti e le dinamiche dominanti

20161028_201123_resized Ridono con il loro porcellino dorato sotto braccio.

“Prof, è giunto il momento di rompere il porcellino e con i soldi… pizza per tuttiii! Olè!”

 

20161028_201137_resized

Cristiano, Joan, Omar, Filippo e Thameur: sono i fantastici cinque del mio cuore.

Fanno parte di una classe che, se potessi, me la porterei pure a casa.

 

Intelligenti, critici, simpatici, scansafatiche q.b., propositivi, ironici, belli, islamici, atei, cristiani, sensibili, cocciuti, curiosi, timidi, estroversi…c’è di tutto.

20161028_201153_resized

Chiedo ridendo: “Ragazzi, cos’è sta storia del porcellino? Che poi…Omar che tiene in mano un porcellino…che è pure islamico…mettilo via!”

Dimenticavo un’altra caratteristica: allegri!

Ridere3In questa classe sono allegri e si può scherzare “di tutto” e “su tutto”.

“Prof, quando parliamo diciamo un sacco di parolacce e allora…”

“Le dirai te un sacco di parolacce; io no!”

“Ma sta zitto va! Che proprio ieri… famme sta zitto va!” e ridono.

“Comunque un po’ di mesi fa abbiamo deciso che, ad ogni parolaccia detta, avremmo messo 50 centesimi nel porcellino”

“Una specie di multa”

“Per le bestemmie 1 euro”

“Perché qui in Italia, prof, voi bestemmiate un sacco! Io non lo so perché fate così”

“E certo, perché voi in Marocco non bestemmiate mai, no?!”

Ridono.

Si divertono.

Si prendono in giro. unti1tled

Sono così uniti che possono permetterselo.

Victor Hugo diceva: “È dall’ironia che comincia la libertà”. Concordo.

Mi spiegano che, dopo un po’, per non pagare multe, nessuno diceva più parolacce.

Si controllavano tra loro.  

Non solo: si erano così abituati a stare attenti che, anche al di fuori della scuola, per allenarsi, non le dicevano più.

Io li ascolto, divertita dal loro divertimento.

Questi ragazzi sono gli stessi che un paio di settimane fa mi hanno detto: Continua a leggere Le parolacce dei miei studenti e le dinamiche dominanti

Il terremoto non frantumerà anche il mio cuore

20161027_083844_resizedStamattina mi sono alzata e sono voluta andare a vedere il cielo ed i colori.

Avevo bisogno di queste due cose per nutrire l’anima con qualcosa di bello perché oggi, dalle mie parti, siamo tutti troppo feriti ed impauriti dalle due terribili scosse di terremoto di ieri sera.

Earthquake in AmatriceQuello che mette terrore è il suono sinistro, i rumori di cose che cadono e si rompono, le urla delle persone care, gli strepitii delle pareti che si crepano…

E’ un po’ come quando si guarda un thriller; se togli il suono di sottofondo, sembra che la tensione perda consistenza.

Quindi sì: i suoni sinistri del terremoto sono agghiaccianti.

Però, ancora una volta, ho buone notizie per tutti e non permetterò a quelle crepe sui muri di casa, di interrompere la mia fame di speranza.

1087672_50612_c4_app-300x176Ho chattato tutta la notte con i miei alunni impauriti che mi scrivevano : “Prof, ho paura…sto piangendo…prof, guardi la mia camera com’è ridotta…può pregare per tutti noi? …Prof, stanotte dormo in macchina con il suo libro…” 

depositphotos_44540319-Angry-emotion-icon

 

Abbiamo anche scherzato insieme, dando del bastardo (è il termine più bello che mi viene in mente) a quel tipo che ha mandato in giro un messaggio vocale dove invitava i ragazzi a scappare perché entro il mattino tutte le Marche sarebbero state distrutte da un terribile terremoto (so che lo stanno cercando per procurato allarme).

 

donare-2

 

Ma in mezzo a questi sciacalli, c’è una moltitudine immensa di brave persone ed un fiume in movimento di notizie rassicuranti.

 

20161027_083923_resizedLe belle notizie mi sono venute in mente mentre fotografavo il cielo ed un albero sempreverde circondato da foglie rosso vivo.

Era tutto così bello che ho pensato: in queste ultime ore, ancora una volta, il bene ha vinto. Continua a leggere Il terremoto non frantumerà anche il mio cuore

Un monastero benedettino, padre Sorge ed il cuore misericordioso di Dio

RV3520_ArticoloLa prima volta che vi entrai ero incinta del mio primo figlio e non capivo come mai, quella mia giovane cognata, sveglia e dal carattere indipendente, avesse lasciato un bel lavoro ed un promettente futuro, per rinchiudersi lì dentro come monaca di clausura.

WIKI-Giovane_suora-740x493

Poi, con il passare degli anni, mi si è aperto un mondo e proprio lì, in quel monastero benedettino di Citerna, ho incontrato tante bellissime persone che hanno lasciato semi dentro di me.

sorgeCe n’è una, in particolare, che mi ha regalato preziosi granellini di senapa: padre Bartolomeo Sorge.

Qualche pranzo fatto insieme in questo monastero dove lui frequentemente si ferma per lasciarsi abbracciare dal silenzio di Dio;…

Qualche consiglio spirituale regalatomi nelle rare chiacchierate pomeridiane…

12473

Un’email preziosa in cui mi porgeva una candela accesa per annullare il buio totale che avevo dentro… e pian piano, senza farci caso, oltre ai granelli mi ha dato pure l’acqua per poter far crescere la mia fiducia in Dio.

monastero_benedettine-2z9i0yxtaqosixq3qroav4

Venerdì 19 agosto quindi, l’incontro che padre Bartolomeo Sorge ha tenuto a Citerna, nella chiesa della comunità monastica “Spirito Santo” che da anni lo ospita (http://www.osbciterna.com/) è stato più un bell’appuntamento tra amici che non un convegno “dogmatico”.

L’argomento?

98a43_44L’Esortazione Apostolica AMORIS LAETITIA di Papa Francesco.

Voglio condividere con voi alcune frasi che mi sono rimaste impresse.

Alcuni minuti preziosi che mi sono entrati dentro.

Non farò una sintesi dell’incontro, perché non ci riuscirei.

Un’ora e mezza di splendida chiacchierata, con la banalità rimasta costantemente fuori la porta, non può essere riassunta in poche battute.

Farò come si fa con gli amici, quando ci si racconta un pezzettino di vita personale e si dice: Ma lo sai che sono andata a sentire padre Sorge? Ad un certo punto ha detto…”

20160820_203718_resized   20160820_203647_resized

Ecco…farò così: una condivisione informale di alcune sue frasi.

Buona lettura. Continua a leggere Un monastero benedettino, padre Sorge ed il cuore misericordioso di Dio

Per risorgere dalle paure…

20160810_084838Esco dall’auto appena parcheggiata e vedo una croce conficcata nel verdissimo prato, con su scritto Via della resurrezione”.

Già mi piace.

 

20160810_071511

 

Chi di noi non ha mai passato momenti in cui non abbia avuto bisogno di risorgere dalla sofferenza, dalle paure, dall’insicurezza, dalla malattia o dalle lacrime?

Chi di noi non ha mai faticato a sperare ancora, in certi giorni?

Dove ritrovare se stessi, quando la vita ci ha lasciato solo la nostra ombra su cui appoggiarci?

 

20160810_084600

 

Sono in Toscana, in un sogno chiamato “Fraternità di Romena”.

 

 

20160810_065247

Mi guardo intorno e mi sento circondata da tutta bellezza: i colori, i fiori, la chiesa romanica che sboccia da quasi 900 anni nel verde della campagna toscana, il silenzio rilassante, le panche accoglienti, il campanile che svetta nel cielo azzurro…tutto è ARMONIA.

 

20160810_065205   20160809_125307 20160810_084456

E poi, quando si entra nella chiesa, continua l’ondata di serenità e tu diventi una delicata anfora che si ri-riempie di profumi antichi di cui hai un’innata nostalgia.

Una musica delicatissima accompagna la tua apertura all’Infinito; i tappeti sparsi dappertutto sono lì per accogliere qualsiasi posizione tu voglia scegliere per pregare; intorno a te ci sono icone e simboli fatti con tutto ciò che proviene dalla natura o dagli arnesi del lavoro dell’uomo; e poi i colori caldi, le tante piccole stanze abbellite per porgerti l’intimità con Chi ti ha creato e ti sta aspettando… tutto è SPIRITUALITA’.

 

20160810_084322  20160810_084228  20160810_084322 20160810_084204  20160810_084358

20160810_084710Quando esco dalla chiesa inizio a girare dappertutto e dappertutto ricevo tanti buongiorno fatti con sorrisi vestiti di ospitalità.

E’ la prima volta che vengo qui, nessuno mi conosce ma ho come la sensazione che questo non importi a nessuno.

20160810_072215

Quel che importa invece, è che oggi io sia qui. Continua a leggere Per risorgere dalle paure…

L’albero della vita di Jasmine

8217_foto53b1460e43df9Quella collana con l’albero della vita, era mia.

L’avevo comprata nella primavera del 2015 a Nizza.

Di quell’albero della vita mi ero subito innamorata, vedendolo in vetrina: scintillante, sinuoso, argentato.

Bello!

10996342_10203819131534928_4544233389112532528_o

 

Bello come la vita che rappresentava.

 

Quella collana me la mettevo sempre ed oramai faceva parte di me.

IMG_6269Poi era arrivato quel viaggio d’istruzione e la richiesta di Jasmine: Prof, mi presta la sua collana per la durata della gita? Gliela restituisco l’ultimo giorno…posso?”

Jasmine: due occhi verdi, capelli lunghissimi ed un cuore traboccante emozioni (nascoste ai più).

Al ritorno dalla gita, scarico le mie valigie in cucina, prendo le cose più importanti e…porca miseriaaa!!!

La collana con l’albero della vita!

Mi ero dimenticata di riprenderla. Vabbè…l’indomani avrei mandato un messaggio a Jasmine.

Il giorno dopo mi metto al pc per scriverle, ma sento una strana, forte e chiara sensazione. Qualcosa mi sta dicendo che quella collana la devo lasciare a Jasmine. Continua a leggere L’albero della vita di Jasmine

Guarire le ferite interiori è un piacere immenso!

PreghieraAbbiamoBisogno

“Ciao Cristina,

potresti scrivere qualcosa sulla preghiera di guarigione e liberazione?

Non ne so nulla”. 

fa08fff00017b1176acce5107dc72271Cara Alisa, nel 1992 Roberto Gervaso sottotitolò un suo libro così: “L’uomo è nato per soffrire e ci riesce benissimo”. Siamo, cioè, dei perfezionisti del dolore.  Benjamin Disraeli ha rincarato la dose, affermando: Il dolore è l’agonia di un istante, l’indulgere nel dolore è l’errore di una vita”.

Da quando nasciamo fino all’ultimo respiro di vita, lottiamo per guarire e tagliare-cipolle-senza-piangereliberarci dal dolore ma, contemporaneamente, lo provochiamo, ci attardiamo al suo interno e, frequentemente, gli costruiamo pure un monumento.  
Honoré de Balzac diceva: “Non sai che ognuno ha la pretesa di soffrire molto più degli altri?” (A questo proposito vai a sentirti la meravigliosa catechesi di don Fabio Rosini sulla GIOIA https://www.youtube.com/watch?v=767z61mcEkw )

 

E’ però indubbio che abbiamo tante ferite e che ci arrabattiamo come possiamo, per esserne liberati.

igd_cea5014024038108cf2461fb80858060-1024x560La psicoanalisi ne ha fotografate principalmente cinque. Sono immagini dove si vedono creature rifiutate, abbandonate, umiliate, tradite o trattate ingiustamente. Ad ogni ferita corrisponde un nostro maldestro tentativo “faidate”, per riuscire a star meglio.

Spesso sono tentativi che testiamo fin dall’infanzia (poiché spesso tanti dolori dell’anima partono da lì) mentre altre volte, sono manovre con cui ci arrabattiamo, man mano che cresciamo.

Praticamente, senza neanche accorgercene, siamo continuamente impegnati a guarirci e liberarci. Continua a leggere Guarire le ferite interiori è un piacere immenso!

Ho visto angeli camuffati da persone ordinarie

sos-fabbro Queste ultime settimane ho avuto del tempo per pensare a tante cose.

Tutto è cominciato nella camera di mia madre, in una domenica pomeriggio di giugno; improvvisamente tutta la stanza si è riempita di flebo, siringhe, emergenza, paura, tre medici, due infermieri e tanti gesti urgenti sparsi dappertutto.

mani-ospedale-malato

Ma non è di questo che voglio parlare; anche perché mia madre ora sta meglio. I medici ci hanno detto: La sera in cui è arrivata all’ospedale l’abbiamo ripresa per i capelli e quindi tutto è bene quel che finisce bene.

Vi voglio parlare, invece, di angeli.

Ho visto angeli dappertutto in quest’ultimo periodo.

Il primo angelo era travestito da Guardia Medica, ma io l’ho riconosciuto. E’ stato lui ad zoom_angelointuire subito e con chiarezza il problema ed allertare con grande velocità i soccorsi.

Poi nelle ore e nei giorni seguenti più di una volta mi ha ritelefonato per avere notizie sullo stato di salute di mia madre. Ogni chiamata era un piccolo festeggiamento fatto insieme, per i miglioramenti che accadevano.

LG1190Altri angeli sono stati gli infermieri ed i medici che sono accorsi, con grande velocità e professionalità, nella camera di mamma.

Uno di loro, appena mi ha visto, ha esclamato: Prooof!!!”. In pochi secondi una valanga di ricordi mi sono entrati dentro: le chiacchierate, le passeggiate, le lezioni, i suoi progetti per il futuro… ed ora eccolo qui a cercare di salvare mia madre. Continua a leggere Ho visto angeli camuffati da persone ordinarie

Anoressia e bulimia: il nostro spirito affamato

anoressia-shutterstock-744x445L’altro giorno, alla ricreazione, una ragazza mi è passata vicino e mi ha detto – anoressica, guardati allo specchio prima di uscire di casa – ma io dico, prof, è possibile arrivare ad essere così…così…boh…non ci sono parole”

Chi mi parla è Veronica, la mia bellissima alunna che, da un po’ di tempo a questa parte, ha deciso di non mangiare, illudendosi che facendo a meno di “tutto”, arrivi a cibonon avere più bisogno di “tutto”. Perché questa è l’anoressia: una ricerca spasmodica, con lo stile “faidate”, di una cura che faccia tacere quel grido di dolore e di bisogno.

Veronica è bionda, è bella, è intelligente ed ha deciso di trasformare il suo corpo in una tela dove dipingere il suo spasmodico desiderio di tenere tutto sotto controllo. Ma non lo sa neanche lei che è questo il motivo.

Capita.

foglieA volte siamo un po’ analfabeti riguardo al linguaggio della nostra anima. Veronica aggiunge: “Non so, prof, perché faccio questo. Mia madre mi ha sempre voluto bene. Il mio ragazzo mi è sempre vicino. Si dice che sia mancanza di amore. Ma io non so…non mi sembra…volevo parlarne con lei da un po’…”

E mi racconta tutti i tentativi delle persone che le vogliono bene, di farla ricominciare a mangiare.

Mangiare: sembra quello il problema.

il_piccolo_principe_fraseSiamo un po’ tutti analfabeti dell’anima e ci sfugge spesso che l’essenziale è invisibile agli occhi”.

Questa famosa frase di Antoine de Saint Exupèry la leggiamo, la scriviamo, la postiamo sui social, ci piace…ma non la viviamo.

Perché se capissimo davvero che l’essenziale è invisibile agli occhi, inizieremmo a guardare sul serio il mondo con gli occhi dell’anima.

Ed allora tutto cambierebbe. Continua a leggere Anoressia e bulimia: il nostro spirito affamato

“Sopportare pazientemente le persone moleste”

6b25e6c218960078c5e337b101cfb3b7Senti Cri, ma tu cosa pensi del fatto di dover sopportare pazientemente le persone moleste?”

Oramai saranno passati un paio di mesi da quando, una mattina, accendendo il cellulare, ho letto questo messaggio su WhatsApp.

Un paio di mesi in cui ho tatticamente rimandato una risposta, per me difficile da dare. Il fatto è che io faccio una gran fatica a sopportare i molesti.

Rimango sempre ammirata quando vedo qualcuno che, di fronte a persone irritanti ed antipatiche, reagiscono con la santa pazienza (e qui il termine “santa” ci sta davvero bene). Anzi: più che ammirata, ne rimango affascinata.

HeaderBlogGrandeIl motivo è che percepisco che intorno alla pazienza c’è un grande potere: quello di far germogliare anche le pietre (a condizione di saper aspettare, ovviamente).

pazienza2

 

 

Con il tempo e la pazienza, ogni foglia di gelso diventa seta diceva Confucio.

 

 

Pazientare, attendere, aspettare…azioni misteriose in una società fondata sui sughi pronti, sulle ricette di torte veloci e sulle cene surgelate.

http://www.dreamstime.com/royalty-free-stock-photo-computer-rage-man-loosing-his-temper-fit-smashing-his-his-fists-image54124995“Sopportare pazientemente le persone moleste; sorprendentemente attuale questa sesta opera di misericordia spirituale.

Oggi, infatti, ci si è messa anche la rete a complicare i nostri già difficili tentativi di sopportazione.

Pure in internet bisogna sopportare presenze inopportune, fastidiose, addirittura insopportabili.

Non bastavano i parenti, i vicini di casa, i colleghi di lavoro…

Anni fa una pubblicità ci consigliava un Cynar per combattere il logorio della vita moderna. Oggi ce ne vorrebbe una damigiana al giorno, con il nostro stile di vita.

Eppure due pensieri su quest’argomento, mi frullano in testa.

psicosomatica

 

Il primo è un dubbio: può succedere che non sia l’altro ad essere un molesto, ma che piuttosto siano gli ospiti inquieti dentro di me a farmelo sentire tale?

 

 

 

 

7999934989_5f3029d9b4_m

Il secondo è un’intuizione: ho la netta sensazione che la pazienza sia molto svalutata perché frequentemente scambiata per rassegnazione o per adattamento al dolore. Continua a leggere “Sopportare pazientemente le persone moleste”